L’ora di cominciare

Squadra raduno 2015

Capitan Chiarastella & C.

Cominciare sembra una parola facile, banale, ma in realtà contiene molte cose, molti significati, molte sfaccettature.

Cominciare una stagione sportiva nuova comporta enormi difficoltà dal punto di vista della gestione dell’equilibrio. Non solo tattico, tecnico, soprattutto emotivo.

Cominciare riabbracciando i vecchi amici, che vecchi non sono affatto ma che per le emozioni che hai condiviso con loro ti sembra di conoscere da una vita.

Cominciare accogliendo i nuovi, facendo in modo che anche loro respirino quella stessa aria, quell’atmosfera meravigliosa che ha fatto innamorare di Agrigento i nostri ragazzi. E noi di loro.

Eatherton raduno

Scott Eatherton e le prime foto con i tifosi

Cominciare lasciandosi alle spalle l’amarezza, ancora presente e comprensibile, di un sogno accarezzato, toccato e poi svanito. Questo perché il nostro sogno si chiama Fortitudo Agrigento, si chiama sport, si chiama basket, si chiama far parte di qualcosa di bellissimo che ci fa venir voglia di stare tutti insieme. Non è un risultato che può scalfire tutto questo.

Cominciare, dunque, portandosi dietro il ricordo di quei momenti, perché domani potremo dire di averli vissuti. Non è affatto cosa scontata.

Cominciare perché ora siamo qui, siamo tutti, siamo insieme e dobbiamo da subito lavorare per diventare nuovamente una squadra della quale innamorarsi per il gioco che esprime e soprattutto per lo spirito con cui affronta le sfide.

Martin raduno

Kelvin Martin, primi sorrisi agrigentini

Cominciare a correre, a saltare, a sprintare, a studiare, a “leggere”. Cominciare anche a osare, senza nascondersi, ma sempre rispettando il lavoro del compagno di fianco a te.

Cominciare perché è il momento di farlo.

Cominciare perché ne abbiamo una voglia incredibile. Forza Fortitudo! #WeAreAG

FOTO: LE IMMAGINI DEL RADUNO AL PALAMONCADA

 

Pin It