L’Angolo del Coach | …E CHE LO SPRONE VENGA DA MOLTI….

 

Coach Franco Ciani

Coach Franco Ciani

“Trapani-Agrigento il giorno dopo, o meglio i giorni dopo, con ancora nell’anima le piacevoli sensazioni di una vittoria sofferta, difficile, importante e, permettetemi, meritata e nella mente la necessità di guardare avanti e di tenere in considerazione soltanto ciò che possa essere considerato funzionale al prossimo impegno.

Come tutti i nostri tifosi sanno quella che stiamo vivendo è la settimana dei derby, nella quale il navigatore satellitare del campionato ci porterà dal Palailio al PalAlberti, attraverso un percorso a volte insidioso, fatto di svolte tattiche essenziali , importanti e di passaggi in chiave tecnica resi obbligatori dalle diverse caratteristiche delle due avversarie.

Certo un occhio alla classifica di Lega, rimodellata dalla rinuncia di Veroli ancor prima che dai risultati dell’ultima giornata, lo abbiamo dato, con l’intima soddisfazione che ci viene dal poter osservare il nostro marchio saldamente posizionato nella prima metà della classifica, in una posizione che oggi garantirebbe l’accesso ai play-off per la serie A1.

Unendo a questo tutti gli apprezzamenti ricevuti dopo la diretta nazionale di Sky da appassionati e addetti ai lavori e il confortante tepore che ci proviene da un risveglio d’interesse ed entusiasmi nella nostra tifoseria, potremmo affermare che lo stato d’animo della squadra è il migliore per poter lavorare serenamente nella preparazione del prossimo confronto, anche con la consapevolezza di quanto Agrigento cestistica ritenga speciale questo appuntamento.

Per gli amanti del bicchiere mezzo vuoto sarà facile ammonire tutti su un calo d’intensità e di attenzione, enfatizzare il rischio di una sorta di appagamento professionale che viene dai buoni risultati del periodo, foriero di sazietà e inappetenza nei confronti di nuovi successi e quindi causa di pericolosi passaggi a vuoto sotto il profilo della determinazione.

Nei mesi scorsi abbiamo dovuto dissetarci con il fiele delle sconfitte e percepire a lungo l’amaro retrogusto della critica e della sfiducia, abbiamo saputo voltare pagina e farlo con decisione, mentalmente e tecnicamente, ma il ricordo dei momenti bui non potrà mai abbandonarci.

Oggi siamo una squadra più solida, concreta, ancor più unita, per la quale il rischio di una battuta a vuoto o di una sconfitta è comunque una costante, così come la chiarezza di idee su ciò che potrebbe invece portarci davvero in alto è una certezza.

Viviamo giorni nei quali chi ci aveva criticato giustamente quando lo meritavamo ammette con piacere il cambio di passo, chi si era espresso animato soltanto dall’eccitante ma effimero potere che viene dal poter sparare sul pianista trova angoli bui e zone di ombra proteggendosi con il silenzio dal dovere morale di ammetter una propria valutazione sbagliata e attendendo il momento per un nuovo “l’avevo detto io”, e infine chi ci ha sempre dato fiducia è felice per una realtà che lo ripaga della fede sportiva.

In mezzo la squadra, con certezze e consapevolezze, con qualche sassolino ancora da togliere dalle scarpe e con un ennesimo risultato storico si a portata di mano ma raggiungibile solo a fronte della capacità di vivere con la stessa intensità di Trapani altre otto battaglie di quelle che fanno vibrare i polsi.

Charles Caleb Colton, un inglese vissuto a cavallo ra la fine del ‘700 e gli inizi dell’800, religioso, scrittore e collezionista, uomo combattuto tra spiritualità e materialismo, noto per le sue eccentricità, scrisse: “L’applauso è lo sprone delle menti forti, il fine e lo scopo di quelle deboli”.

Che nessuno, quindi, si specchi nelle beltà di un presente che senza continuità non potrebbe che essere effimero, con la speranza (ancora una volta espressa a chiare lettere da tutti noi) di un sostegno sempre più forte e corposo da parte degli sportivi agrigentini, a iniziare dall’appuntamento di Barcellona e da un PalAlberti che proprio con noi (guarda caso…) vestirà per la prima volta la nuova livrea delle grandi occasioni!”

Franco Ciani

Pin It