«Agrigento preoccupa per la sua continuità tecnica, hanno un vissuto assieme, con sei italiani su sette confermati, la guida tecnica è la stessa, questo è il loro elemento di maggiore forza. Incontriamo una squadra che ha l’abitudine di fare le scelte giuste, prima di valutare gli stranieri aspetto invece le partite vere, mi mantengo ancora in una fase osservativa».

«Cerca molto le uscite dai blocchi, proveremo a limitare questo aspetto, anche se è una squadra con tante soluzioni d’attacco: sarà necessario giocare una partita solida, senza giri a vuoto, non dovremo fare regali perché sono già bravi a prendersi vantaggi da soli. Faremo poi attenzione sul pick and roll di Piazza, li dovremo essere precisi».

ANGELICO BIELLA: IL ROSTERSTAFF TECNICO

Niccolo' De Vico (Foto PallacanestroBiella.it)

Niccolo’ De Vico
(Foto PallacanestroBiella.it)

Questi due estratti di coach Michele Carrea (intervista su La Stampa del 2 ottobre, a firma Stefano Zavagli) riassumono il pensiero del nuovo allenatore dell’Angelico Biella sulla nostra Fortitudo Moncada Agrigento. Carrea, esordiente da capo allenatore in Serie A2 ma con alle spalle una solida esperienza da assistente a Casalpusterlengo, vive con attenzione e curiosità il debutto della sua squadra in campionato, contro una Agrigento che è attesa – in virtù della continuità di cui lo stesso Carrea ha fatto menzione – a una prova importante.

La stessa che sperano di poter produrre coach Ciani e i suoi ragazzi, partiti questo sabato mattina alla volta del Piemonte.

Andrea La Torre (Foto PallacanestroBiella.it)

Andrea La Torre
(Foto PallacanestroBiella.it)

Cosa possiamo dire dell’Angelico Biella? Difficile fare delle analisi molto accurate senza alcuna partita ufficiale giocata. Lo stesso coach Carrea dice di mantenesi in una “fase osservativa”, curioso come tutti di scoprire le potenzialità di una formazione che è cambiata moltissimo rispetto alla passata stagione ma che, chiamandosi Angelico Biella e rappresentando una città che negli ultimi anni ha dato molto al basket italiano, avrà certamente voglia di essere molto competitiva.

Una squadra che conterà su giovani molto, molto interessanti (come il playmaker classe 1994 Alessandro Grande e l’ala classe 1997 Andrea La Torre, in prestito dall’Olimpia Milano), due stranieri che già conoscono il nostro campionato (l’ex canturino Marcel Jones in ala forte e l’ex cremonese Jazzmarr Ferguson come guardia), insieme all’esperienza di giocatori come Luca Infante, Simone Pierich e Diego Banti.

Un mix interessante, da scoprire, una squadra che (dice Franco Ciani) lotterà per entrare nei playoff. Un confronto stimolante, per noi, da vivere da subito con grande passione e attenzione.

Senza dimenticare una persona, molto cara al nostro coach, venuta a mancare proprio alla vigilia del confronto a Biella nella passata stagione.

Questo campionato riparte da lì nel ricordo e nel segno di Gabriele Fioretti, dirigente di talento, persona ancora migliore, che nonostante la malattia è stato fino all’ultimo vicino alla sua squadra, ai suoi ragazzi.

Lo abbracciamo e lo salutiamo con le parole della mamma Antonella e del papà Valter, che hanno delle righe molto dolci, emozionanti, sul sito dei nostri amici della Pallacanestro Biella (LEGGILE QUI).

Comments

0