I giovani che diventano grandi, indossando “solo” una maglia che inevitabilmente diventa una nuova pelle. E’ il caso di Giacomo Alba, giovanissimo play maker che oggi ha voluto salutare la sua Fortitudo Agrigento.

La squadra del suo cuore, la sua gente, la sua maglia ed anche il suo parquet. Giacomo, sotto l’ombra del PalaMoncada è diventato grande.

Oggi, tramite il suo profilo Instagram, ha scritto una breve lettera dedicata alla sua Fortitudo Agrigento. Noi, abbiamo deciso di condividerla e di renderla anche vostra. 

Ciao Jack, buona fortuna dalla tua Fortitudo Agrigento

Dopo 7 anni nella Fortitudo Agrigento è difficile pensare che questa sia la mia ultima partita con questa maglia.  È difficile ricordare com’era la mia vita prima di venire a giocare qui. È difficile ricordarla senza i miei compagni di squadra diventati più che fratelli col passare degli anni. È difficile ricordarla senza Peppone Ferlisi, molto di più di un semplice allenatore, un amico, un confidente, una guida, una delle persone che mi hanno influenzato di più nella vita, qualcosa che va ben oltre il basket. Per tutto quello che ha fatto per me non finirò mai di ringraziarlo. È difficile ricordarla senza le partite la domenica, senza il signor Arnone, senza la Squad, senza il trio della panca.
Senza il Palamoncada, una seconda casa. Nessuno potrà mai capire quanto questa società sia importante per me.  Tutto questo ha cambiato la mia vita radicalmente e alla fine di tutto è stato un gran bel viaggio, grazie a tutti quelli che ne hanno fatto parte”. 

Comments

0